La formazione degli insegnanti in servizio si configura come un’attività trasversale, in cui gli insegnanti sono protagonisti attivi della loro formazione, attraverso per esempio la co-progettazione e realizzazione dei laboratori PLS (azione 4) e il loro coinvolgimento nell’azione 5 (autovalutazione).

Oltre a queste, le attività di formazione, che coinvolgono circa 2000 insegnanti in tutta Italia, riguardano l’approfondimento di tematiche disciplinari e interdisciplinari (queste ultime in collaborazione con le altre discipline PLS), la ricerca didattica, la sperimentazione metodologica e l’utilizzo di nuove tecnologie (tracker, Arduino, smartphone,…) in particolare per la realizzazione di esperienze di laboratorio.

Inoltre è prevista l’attivazione di Master, Corsi, regionali e nazionali, in condivisione fra più sedi, di formazione/perfezionamento insegnanti.

Molte sedi organizzano scuole estive per insegnanti, in genere a livello regionale o nazionale, spesso in collaborazione con altre aree PLS.

Interessanti anche alcuni corsi di formazione in collaborazione con progetti POT, per es. di Filosofia.
Moltissime le tematiche sviluppate nell’ambito della formazione degli insegnanti, spesso concordate con gli stessi fruitori. Particolarmente richiesto l’aggiornamento su tematiche di Fisica Moderna.

In tutte queste attività di formazione, oltre all’acquisizione dei contenuti, ai corsisti viene richiesta l’elaborazione di un percorso didattico, la sua sperimentazione in aula, il monitoraggio, la valutazione dei risultati ottenuti e la condivisione del materiale didattico prodotto.

Numerose attività vengono svolte con riconoscimento di crediti di formazione per gli insegnanti in servizio (tramite inserimento nel portale SOFIA del MIUR).